Don Chisciotte

Concludevo pensando che se lei incarnava la mia don Chisciotte, se solo lei era capace di mostrarmi percorsi intrepidi – lanciandosi verso il mare senza braccioli, camminando sbilenca sul ciglio di strapiombi abissali, inventando parole – allora io dovevo continuare a essere il suo Sancio Panza: avevo il dovere di accompagnarla, contenerla ma soprattutto capirla, senza intaccare la sua libertà.

“Mia figlia don Chisciotte” di Alessandro Garigliano

Be Sociable, Share!
Precedente Successivo Alle radici dell’infamante Seconda Repubblica: il biennio 1992-1993